Library logo


fonds Terracini Benvenuto



Results 1-3 of 3 (Search time: 0.0 seconds).

Name
Terracini Benvenuto
Creator (Person)
Type
fondo
Length
6.1
Extent
31 faldoni
Language
francese
italiano
tedesco
inglese
portoghese
spagnolo
Description
Il fondo raccoglie le cc. appartenute al linguista, glottologo e critico letterario italiano Benvenuto Aron Terracini (1886-1968), contenute in: - 24 faldoni che costituiscono l'Archivio vero e proprio dello studioso; - 6 faldoni che ne raccolgono la corrispondenza; - 1 faldone che ne raccoglie le copie fotostatiche di dss. relativi ad alcuni racconti inediti scritti negli anni '20 del '900. Il materiale incluso in 23 dei 24 faldoni dell'Archivio è relativo agli studi condotti da T. a partire dal secondo decennio del '900 fino agli ultimi anni di vita. Di particolare consistenza quantitativa sono i documenti, in italiano e in spagnolo, che risalgono al periodo argentino, quando T., in seguito alla promulgazione in Italia delle leggi razziali fasciste, si trasferì nella provincia di Tucumán, dove insegnò linguistica e filologia dal 1941 al 1946. In molti casi il materiale annovera più stesure di una stessa opera, mss. e dss., e talora anche bozze di stampa con interventi mss. autografi. Non tutti i mss., peraltro, sono autografi; alcune copie in bella sono di altra mano. Un ventiquattresimo faldone raccoglie, infine, documenti personali dello studioso. Le cc. dei 24 faldoni dell'Archivio, così come sono pervenute al Centro Manoscritti, non sono ordinate secondo un particolare criterio tematico, ma secondo la seguente macro-suddivisione numerica dei faldoni stessi: i faldoni I-XIII raccolgono prevalentemente contributi scientifici (materiali di lavoro per saggi, articoli, recensioni, testi di convegni, conferenze, seminari, ecc.), ordinati secondo una successione cronologica approssimativa, non sempre rispettata; i faldoni XIV-XV includono una vasta mole di materiali didattici propedeutici all'insegnamento universitario; i faldoni XVI-XVII propongono appunti, annotazioni e spogli di carattere linguistico. Tra le cc. del faldone XVII sono rinvenibili anche altri materiali documentari appartenuti a T., come ritagli di giornale (XVII.G) e 9 libretti di racconti di autori vari editi nei primi decenni del '900 dalla tipografia Salani di Firenze (XVII.H); i faldoni XVIII-XXII contengono numerosi quaderni con appunti e annotazioni di vario genere (ancora testi di lezioni, saggi di linguistica, stilistica, letteratura, ecc.), tra cui, degne di particolare rilievo, le schede bibliografiche relative ai libri letti; il faldone XXIII conserva lavori di altri studiosi, originariamente sottoposti all'attenzione di T. e rimasti poi tra le sue carte; il faldone XXIV, infine, comprende documenti personali di T. Un posto a se stante occupano i 6 faldoni della corrispondenza epistolare indirizzata allo studioso, che includono anche un nucleo epistolare di T. a vari corrispondenti, tra cui 55 lettere inviate a Bice Mortara Garavelli, donate dalla destinataria al Centro Manoscritti nel marzo del 1999. Di tale corrispondenza, 5 faldoni – per la cui catalogazione, curata da Maria Pia Musatti, cfr.: Lettere a Benvenuto Terracini, in: Fondo manoscritti di autori contemporanei. Catalogo, a cura di Giampiero Ferretti, Maria Antonietta Grignani e Maria Pia Musatti, nota introduttiva di Maria Corti, Einaudi, Torino 1982, pp. 277-305 – sono originariamente pervenuti al Centro insieme ai 24 faldoni dell'Archivio, mentre un sesto faldone contiene lettere a e di T. estrapolate dai 24 faldoni dell'Archivio e raccolte successivamente dagli eredi (per la relativa collocazione originale cfr. il capitolo Lettere a Benvenuto Terracini contenute nell'Archivio della tesi di laurea magistrale di Antonella Francabandera Tra le carte inedite di Benvenuto Terracini, relatore: Prof. A. Stella, Università degli Studi di Pavia, Facoltà di Lettere e Filosofia, a.a. 1998/1999, pp. 57-67). La serie III: Racconti è costituita da un faldone, che include una cartellina-bifolio con indicazione autografa di Maria Corti “racconti di Benvenuto Terracini composti negli anni 20”, contenente copia fotostatica di dss. di alcuni racconti inediti di T. Sempre nella serie epistolare originale è stato rinvenuto, infine, un documento autografo della nipote Lore Terracini, del 4 giugno 1973, che contiene preziose informazioni utili a ricostruire la storia archivistica dell'Epistolario stesso.
History
Il nucleo più consistente delle cc., originariamente sotto custodia dell'Accademia dei Lincei (ma trasferito poi all'Accademia Toscana di Scienze e Lettere “La Colombaria” di Firenze), è giunto al Centro Manoscritti nella primavera del 1979, per volontà di Lore Terracini, nipote del linguista, che ne curò anche un primo riordino. Il primo ordinamento della serie epistolare si deve, invece, alla cognata di Terracini, Giulia Sacerdote, vedova del matematico Alessandro Terracini, che ha compilato nel 1970 un indice dell'epistolario. Presumibilmente sono di sua mano le indicazioni autografe a penna rossa che si trovano sul margine sup. dx dei documenti epistolari. Sua figlia, l'ispanista Lore Terracini, ha poi donato gli autografi al Centro. Le lettere di Terracini a Bice Mortara Garavelli sono state donate dalla destinataria al Centro nel marzo del 1999.
Arragement note
Presso il Centro è consultabile un regesto cartaceo dell'epistolario.
Related Materials
.
Access condition
accessibile previa autorizzazione
Preservation
discreto
Use condition
negata